Riprendiamo, dopo un lungo periodo di silenzio, la nostra rubrica destinata ad ospitare le mie elucubrazioni ovali non solo su Don Chisciotte e compagni, ma un po’ su tutto quanto il rugby nostrano mi andrà di prendere in considerazione. Intanto c’è da dire che finalmente si è cominciato! Personalmente ho assistito per la quarantacinquesima volta al momento del primo raduno di inizio stagione del Rugby Noceto.

L’altro giorno, seduti sulle tribune, li ho contati due volte per essere sicuro: erano ben 36. Tutti – o quasi – in discreta forma, attenti alle parole del Leone e alle promesse di futuri sacrifici espresse dal Cocco, si alzano e salutano i nuovi arrivati, negli occhi la voglia di dimostrare quanto valgono, tra di loro un giovane e promettente francese (una novità per Noceto) che giocherà apertura. Davvero uno spettacolo confortante per chi – più di una volta- per la stessa occasione del primo raduno dopo la vacanza estiva, si riteneva soddisfatto se a rispondere al richiamo erano sette giocatori.

Già… altri tempi.

A farmi convincere ulteriormente di come sono cambiati, mi è bastato osservare il Leone e il Ciccio alle prese con un vero e proprio dossier di schemi di gioco, per me – visti da lontano- molto più simili a traiettorie di misteriosi oggetti volanti non identificati che non a fluenti azioni tra avanti e trequarti. Certamente il Ciccio&compagni avranno di che studiare anche nei prossimi giorni.

Ma sappiamo tutti che nel rugby non bastano schemi tracciati su un foglio per ottenere risultati, occorrono tanti altri elementi da amalgamare e uno importantissimo – il gruppo – me lo ha dimostrato l’altra sera Giuliano Persegona che al primo allenamento – non ancora ufficiale – degli Old Sancho Pancia si è presentato con un salame chilometrico ad ottima stagionatura.

Con buona pace degli schemi cartacei, anche questo fa parte del nostro mondo ovale, a Noceto in particolare, ma così è – e spero continuerà ad essere- a tutte le latitudini, perché il rugby è lo sport dove tradizioni, regole e comportamenti dovranno sempre essere rispettati.

Sono già troppo lungo!!!!!

Alla prossima. Fulli